FAQ SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

Richiedi "Codice SPC San Marco" clicca qui.

Le domande più frequenti (SPC), fonte FNOVI.

PERCHÉ L’ESIGENZA DI IDEARE UN NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE?

Il sistema ECM sconta in medicina veterinaria il mancato accreditamento da parte dei provider della maggior parte degli eventi destinati ai medici veterinari che svolgono attività clinica. L’indisponibilità di formazione accreditata non consente l’assolvimento degli obblighi in carico ai medici veterinari libero professionisti. FNOVI ha operato su due versanti in modo unico nelle professioni della salute: – mettendo a disposizione dei medici veterinari, anche attraverso gli Ordini, formazione residenziale e FAD, tramite piattaforma e-learning, gratuita accreditata dal provider Prof Conservizi (Consorzio FNOVI attivato nel 2011); valorizzando la formazione non accreditata dal sistema ECM. Da qui il Regolamento inviato al Ministero della Salute lo scorso 20 novembre 2019.

IL DOVERE DEONTOLOGICO, CHE DA MEDICI VETERINARI ABBIAMO, SI POTRÀ ASSOLVERE SIA SULLA BASE DEI CREDITI ECM CHE CON IL ‘SISTEMA SPC’?

Si, la valutazione deontologica andrà effettuata tenendo conto sia della formazione accreditata nel sistema ECM che della formazionevalorizzata nel ‘Sistema SPC’.

DA QUANDO SARÀ POSSIBILE AVVALERSI DELLA VALORIZZAZIONE DELLA FORMAZIONE AL ‘SISTEMA SPC’? IL REGOLAMENTO È GIÀ ENTRATO IN VIGORE O È PREVISTA UNA FASE TRANSITORIA?

Il Regolamento è entrato in vigore dallo scorso 21 febbraio 2020 e non è prevista una fase transitoria. Ad oggi è invece ancora in fase di implementazione la piattaforma informatica che sarà realizzata sul portale della Federazione (FNOVI) e che si prevede andrà a regime nel giro di circa due mesi e mezzo.

COME SARÀ VALORIZZATA NEL ‘SISTEMA SPC’ LA PARTECIPAZIONE A CONGRESSI MULTISALA?

In ragione del numero di ore di presenza.

1 SPC = 1 ORA SARÀ L’UNICO CRITERIO DI VALORIZZAZIONE DELLA FORMAZIONE SECONDO IL ‘SISTEMA SPC’: INDIPENDENTEMENTE DAL TIPO DI ATTIVITÀ FORMATIVA SVOLTA?

È corretto, il sistema privilegia la semplificazione.

CI SARÀ UN LIMITE ALLA RETROATTIVITÀ PER LA CONVERSIONE/VALORIZZAZIONE DELLA FORMAZIONE NEL ‘SISTEMA SPC O UN MEDICO VETERINARIO POTRÀ RICHIEDERE AD UN ‘EROGATORE DI FORMAZIONE’ CHE VENGANO DOCUMENTATI, PER ESSERE VALORIZZATI NEL ‘SISTEMA SPC’, ANCHE EVENTI REALIZZATESI IN DIVERSI RANGE DI TEMPO?

Il sistema intende valorizzare anche la formazione pregressa senza limiti temporali.

PER IL ‘SISTEMA SPC’ È PREVISTA UNA OPERATIVITÀ DI ACCREDITAMENTO DEGLI EVENTI? CHI SARANNO I SOGGETTI ABILITATI A PARTECIPARVI, E NEL RISPETTO DI QUALI ADEMPIMENTI?

Non è prevista una operatività di accreditamento degli eventi, bensì la valorizzazione dell’aggiornamento così realizzatosi. Agli ‘erogatori di formazione’ di cui al ‘Regolamento’ sarà richiesto di riversare sul portale della Federazione (attualmente la sezione è in fase di costruzione) tutte le notizie che il sistema richiederà sull’evento da loro organizzato. Si anticipa fin d’ora che, tra le informazioni richieste al soggetto ‘erogatore di formazione’, ci sarà quella di fornire un file in formato MS Excel recante i codici fiscali dei partecipanti: il sistema provvederà infatti in automatico ad associare l’evento (ed il conseguente computo delle ore/crediti) ai codici fiscali che troveranno corrispondenza nell’Albo Unico dei Medici Veterinari. La sezione del portale consentirà anche ai singoli medici veterinari di inserire autonomamente gli eventi formativi ai quali avranno partecipato, gli sarà inoltre consentito di consultare le informazioni che derivassero dall’inserimento degli eventi eseguito direttamente dagli ‘erogatori di formazione’.